Con il puteggio di 76-56 la DelFes batte San Vendemiano ed accede alla semifinale playoff. Al prossimo turno di post season la formazione di coach Crotti troverà la Pielle Livorno, che in tre gare si è sbarazzata di Imola. In gara 4 gli irpini hanno giocato una partita continua, riuscendo a prevalaere su una Rucker poco brillante e falcidiata dagli infortuni.

A fare la differenza, oltre una prova offensiva corala con 5 uomini in doppia cifra, la difesa. I biancoverdi hanno contenuto al meglio Gluditis primo terminale offensivo. L’idea di essere più aggressivi con i lunghi contestando i tiri del lituano è stata vincente.
Dal primo quarto la strada è stata segnata con il vantaggio avellinese di 22-15.

Lo strappo è arrivato nel secondo periodo di gioco con la DelFes che è stata sempre in controllo e scappata anche sul +20, per poi chiudere 47-32 il periodo. Il secondo tempo ha visto Vasl e soci controllare ed accelerare nell’ultimo periodo tirando con alti percentuali dalla lunga distanza, 11/22 alla fine.

“Siamo contenti del risultato raggiunto, faccio i complimenti a San Vendemiano squadra piuttosto sfortunata per via dei tanti infortuni – ha affermato Crotti, che poi ha parlato della semifinale -. Affronteremo una squadra molto forte, non avremo il fattore campo, ma ce la giocheremo”.

 

ULTIMO QUARTO

DELFES AVELLINO – RUCKER SAN VENDEMIANO 76-56

TERZO QUARTO

DELFES AVELLINO – RUCKER SAN VENDEMIANO 58 -42

SECONDO QUARTO

DELFES AVELLINO – RUCKER SAN VENDEMIANO 47-32

PRIMO QUARTO

DELFES AVELLINO – RUCKER SAN VENDEMIANO 22-15

DELFES AVELLINO
Bortolin (10), Vasl (10), Nikolic (8), Fresno (10), Burini (9), Chinellato (11) Carenza, Verazzo (14), Giunta (4)

Coach: Alessandro Crotti

RUCKER SAN VENDEMIANO
Di Emidio (7), Gluditis (2), Laudoni (n.e.), Cacace (2}), Chiumenti (11), Calbini (n.e.), Perin (3), Oxilia (20), Zacchigna (6), Vettori (5)

Coach: Michele Carrea

DELFES AVELLINO
Bortolin (16), Vasl (15), Nikolic (10), Fresno (10), Burini (4), Chinellato (4) Carenza (7), Verazzo (6), Giunta (4)

Coach: Alessandro Crotti

DelFes

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *